Pianificazione e governo del territorio

Variante Generale al PGT


Con Delibera di G.C. n. 86 del 08/07/2021 è stata avviata la variante generale al vigente Piano di Governo del Territorio (PGT) e relativo procedimento di Valutazione Ambientale Strategica.

Delibera di G.C. n. 86 del 8/7/2021

Avviso di avvio del procedimento di variante

Modulo fac-simile per presentazione proposte e suggerimenti

 

PGT

Il Piano di Governo del Territorio - PGT consente di rispondere alle esigenze della città sia sotto il profilo dei servizi esistenti, si individuando i bisogni con anticipo rispetto al manifestarsi, attraverso una programmazione dello sviluppo del territorio.

Approvato dal Consiglio comunale, con la delibera n. 30 del 28 novembre 2012, il Piano di governo del territorio (Pgt) del Comune di Basiglio.

 

La formulazione del Piano di Governo del Territorio, parte dalla consapevolezza della realtà territoriale ed ambientale in cui il Comune si colloca.

L’obiettivo è la definizione di linee di sviluppo equilibrato che tengano in considerazione le necessità degli abitanti esistenti e futuri e potenzino le peculiarità del territorio, valorizzando l’identità dei luoghi.  

L’obiettivo della pianificazione sottintende un impegno volto alla definizione di luoghi rispettosi dell’ambiente, di un paesaggio dai forti connotati agricoli e dal rafforzamento dei caratteri identitari del nucleo antico, sottintende anche la volontà di investire in una città amica, in cui si evidenzi la prossimità in senso fisico (l’accessibilità) ed in senso metaforico (la città a servizio del cittadino) ridando ai cittadini un senso di appartenenza alla comunità locale, anche nella vita quotidiana.

La norma che regola i contenuti e la procedura di approvazione del Piano di Governo del Territorio (di seguito denominato PGT) è la Legge della Regione Lombardia n. 12 del 11 marzo 2005.

Il concetto di “governo del territorio”, ben più esteso di quello tradizionale della pianificazione comunale, è regolato dal capo II della L. R. 12/2005 dove si introduce il PGT quale strumento che “definisce l’assetto dell’intero territorio comunale” (artt. 6 e 7).

 

Le fasi ed i contenuti che caratterizzano il PGT nelle sue diverse componenti saranno sviluppati coerentemente con quanto disposto dalla L. R. n. 12/2005 e dai successivi criteri attuativi e si comporranno dei seguenti atti:

- Documento di Piano (Ddp) definisce il quadro conoscitivo del territorio comunale, considerando diverse variabili, in particolare:

  • le previsioni derivanti dalla programmazione territoriale di livello sovraordinato
  • l’assetto del territorio urbano ed extraurbano
  • le caratteristiche del paesaggio agrario e dell’ecosistema
  • il sistema della mobilità
  • le presenze di interesse paesaggistico, storico monumentale ed archeologico
  • l’assetto geologico, idrogeologico e sismico

 

Il fine del quadro delle conoscenze è la determinazione delle principali dinamiche in atto, delle maggiori criticità del territorio e delle sue potenzialità.

ll DdP ha lo scopo di individuare gli obiettivi generali di sviluppo, miglioramento e conservazione del territorio comunale, verificando la sostenibilità anche economica delle scelte e determinando le politiche di intervento per i diversi sistemi funzionali.

 

- Piano dei Servizi (PdS) è lo strumento che individua e assicura l’adeguata dotazione di aree per attrezzature pubbliche e di interesse pubblico e generale, nonché di servizi per la popolazione del Comune. Il PdS, sulla base dello stato dei bisogni e della domanda di servizi prevista, specifica le necessità e le aree di sviluppo ed integrazione dei servizi esistenti, ne valuta i costi e precisa le modalità di intervento.

 

- Piano delle Regole (PdR) disciplina il territorio comunale occupandosi di:

  • definire, gli ambiti del tessuto urbano consolidato, comprendendo le aree libere intercluse o di completamento;
  • indicare gli immobili assoggettati a tutela in base alla normativa statale e regionale;
  • individuare le aree e gli edifici a rischio di compromissione o degrado e a rischio di incidente rilevante;
  • individuare le aree destinate all’agricoltura, le aree di valore paesaggistico - ambientale ed ecologiche, le aree non soggette a trasformazione urbanistica.

 

Entro gli ambiti del tessuto urbano consolidato, il piano delle regole definisce le caratteristiche fisico morfologiche che connotano l’esistente nonché le modalità di intervento nel rispetto dell’impianto urbano ed i criteri di valorizzazione degli immobili vincolati.

Identifica i parametri da rispettare negli interventi di nuova edificazione o sostituzione, stabilendo le caratteristiche tipologiche, gli allineamenti, gli orientamenti, la consistenza volumetrica, i rapporti di copertura, le altezze massime e minime, le destinazioni d’uso non ammissibili, i requisiti di efficienza energetica.

Per le aree destinate all’agricoltura il PdR detta la disciplina d’uso e individua gli edifici esistenti non più adibiti ad usi agricoli, dettandone le normative d’uso.

 

- Valutazione Ambientale Strategica (VAS)

In attuazione all’art.4 della L.R. 12/2005, il percorso di formazione del nuovo PGT dovrà essere accompagnato da un processo valutativo circa la sostenibilità ambientale delle previsioni di trasformazione, coerentemente con gli indirizzi generali di cui alla DGR n. 8/1563/2005

La legislazione regionale prevede in modo specifico forme di partecipazione all’elaborazione degli atti di pianificazione territoriale comunali.

Documento di scoping

Rapporto ambientale

Rapporto ambientale - Dichiarazione di sintesi

Rapporto ambientale - Sintesi non tecnica

 

Il PGT - Piano di Governo del Territorio è attualmente vigente in quanto pubblicato sul BURL - regione Lombardia n. 6 del 06/02/2013 (in allegato).

Pertanto lo strumento urbanistico PGT ha sostituito da tale data il PGR - Piano Regolatore Generale e produce i suoi effetti di legge dalla data di pubblicazione precitata. 

 

piani attuativi presentati

- AT 01 presentato dalla società Green Oasis s.r.l. in data febbraio 2013:

Per la consultazione completa della pratica rivolgersi al Settore Ambiente e Territorio al n. 02 90452312.

In data 23.01.2014 il responsabile del Settore Ambiente e Territorio ha chiuso in senso negato il procedimento istruttorio relativo all'ambito territoriale AT 01

 

- AT 01 presentato dalla società Green Oasis s.r.l. in data marzo 2014:

Per la consultazione completa della pratica rivolgersi al Settore Ambiente e Territorio al n. 02 90452312.

ADOZIONE DEL PIANO ATTUATIVO RESIDENZIALE "PIANO ATTUATIVO AT01"

deliberazione G.C. n.  91 del 7/7/2016

allegati alla delibera

ADOZIONE ED APPROVAZIONE DEFINITIVA DEL PIANO ATTUATIVO RESIDENZIALE "PIANO ATTUATIVO AT02"

decreto commissario ad acta n. 1/2016

relazione tecnica istruttoria

allegati al decreto

decreto commissario ad acta n. 1/2017

convenzione sottoscritta piano attuativo AT02

*** ATTENZIONE *** Per poter visualizzare gli allegati firmati  digitalmente occorre scaricare il software reperibile a questo LINK

Contenuto inserito il 20-03-2014 aggiornato al 23-08-2021
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Piazza Leonardo Da Vinci, 1 - 20080 Basiglio (MI)
PEC basiglio@postacert.comune.basiglio.mi.it
Centralino 02/90452.1
P. IVA 04181870157
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su: